I MIGLIORI FILM HORROR DEL 2021 DA NON LASCIARSI SFUGGIRE

Onorando una tradizione annuale che va avanti dal 2015, Horror Vacui vi propone una selezione di titoli, per lo più dal circuito indipendente e presentati ai festival di genere in giro per il mondo a cavallo tra il 2020 e il 2021, che potrebbero – e dovrebbero – essere distribuiti anche in Italia nel corso del 2022. Saranno pochi invece i titoli di richiamo dello scorso anno a comparire in questa selezione, che come di consuetudine tende a ignorare prequel, sequel, reboot, spin-off, film (giustamente o ingiustamente) iperpubblicizzati e il cinema modaiolo di dubbia qualità. Non stupisca insomma il fatto che non si faccia menzione dell’insoddisfacente Old di M. Night Shyamalan, della trilogia netflixiana di facile consumo Fear Street di Leigh Janiak, o del successo internazionale di A Classic Horror Story di Roberto De Feo e Paolo Strippoli o ancora di quel meraviglioso body-horror queer che è Titane di Julia Ducurnau: se n’è già parlato abbastanza.
Ecco dunque a seguire i film horror più interessanti del 2021 secondo Horror Vacui, accompagnati da un’indicazione sull’eventuale presenza di spoiler e le parole chiave di riferimento.

Continua a leggere I MIGLIORI FILM HORROR DEL 2021 DA NON LASCIARSI SFUGGIRE

[SPECIALE TS+FF] GAIA, LAMB, JAKOB’S WIFE, VAMPIR E TUTTI GLI HORROR DEL TRIESTE SCIENCE+FICTION FESTIVAL 2021

È tornato, in forma ibrida sia in presenza al cinema che in streaming su Mymovies, il Trieste Science+Fiction Festival, l’evento che da oramai ventun anni porta in Italia una ricca selezione di nuovi film e cortometraggi di fantascienza, horror e fantasy a suon di “raggi fotonici”.
Tra i tanti titoli proposti, ha trovato spazio la figura del vampiro (con ben cinque pellicole dedicate al tema) declinata nei più disparati modi, insieme alla tematica dell’empowerment femminile.

[Leggi lo speciale sul TS+FF 2020]
Ecco di seguito i migliori film horror (e non) del Trieste Science+Fiction Festival 2021, in ordine di gradimento, secondo Horror Vacui. Per chi fosse curioso di sapere chi sono stati i vincitori del concorso, trova tutto qua.

Continua a leggere [SPECIALE TS+FF] GAIA, LAMB, JAKOB’S WIFE, VAMPIR E TUTTI GLI HORROR DEL TRIESTE SCIENCE+FICTION FESTIVAL 2021

SYNCHRONIC: L’ETERNO RITORNO DELL’ORRORE

Synchronic è il terzo film prodotto senza troppi clamori a cavallo tra il 2019 e il 2020 dall’inseparabile duo statunitense Justin Benson-Aaron Moorhead.
Insieme ai precedenti Resolution (2012) e The Endless (2017), Synchronic forma una trilogia geniale e atipica in cui ognuna le pellicole apparentemente svincolate tra loro, sono profondamente interconnesse attraverso una serie di intrecci e rimandi, a formare un piccolo universo di matrice mistico-lovecraftiana tutto da scoprire.

Continua a leggere SYNCHRONIC: L’ETERNO RITORNO DELL’ORRORE

CAVEAT: PAURA NELLA TANA DEL BIANCONIGLIO

Può l’atmosfera infinitamente cupa e angosciante di un film sopperire alle numerose, paradossali e imperdonabili lacune di una sceneggiatura sforacchiata e fragile? La risposta nella maggior parte dei casi sarebbe un no secco, ma in Caveat, primo lungometraggio dell’irlandese Damian Mc Carthy, le voragini nella scrittura e gli abissi scavati da prospettive diegetiche prive di senso vengono parzialmente riempiti dal continuo risuonare di un’inquietudine quasi atavica legata al buio, al silenzio, all’isolamento, all’inciampo sull’impossibile.

Continua a leggere CAVEAT: PAURA NELLA TANA DEL BIANCONIGLIO

[RECENSIONE] HORROR IN THE HIGH DESERT E LE TRE REGOLE DEL FOUND FOOTAGE

[Attenzione: sono presenti spoiler]

Prima regola del found footage: non si parla (più) del found footage. Perché se questa tecnica ha favorito il proliferare di un sottogenere dell’horror, tanto squattrinato quanto vituperato per aver dato vita a una progenie di film di scarsissima qualità – in barba all’implicito accordo di onorare il compromesso tra povertà di budget e abbondanza di trovate interessanti – che continua a essere riproposto nel 2021, non si può che prenderne atto e accoglierlo con un misto di rassegnazione e consapevolezza, senza troppe chiacchiere, oppure ignorarlo e passare oltre, senza troppe polemiche.

Continua a leggere [RECENSIONE] HORROR IN THE HIGH DESERT E LE TRE REGOLE DEL FOUND FOOTAGE

LA PAURA FA NOVANT(‘ANNI): IL LONGEVO DECORSO DELL’HORROR GERIATRICO

Inutile girarci intorno, la vecchiaia a molti fa paura: è il biglietto da visita del Tristo Mietitore, è l’anticamera della decomposizione, è un corridoio a senso unico che conduce lontano, dove ci si può sempre girare per guardare indietro ma mai ritornare sui propri passi. Sarà per questo che la presenza di anziani inquietanti e malèfici nei film dell’orrore è in vertiginoso aumento negli ultimi anni, in un periodo in cui si inizia ad avvertire, metaforicamente parlando, l’approssimarsi di una fine collettiva con la sensazione che ad invecchiare, deteriorarsi e morire possa essere l’intera umanità.
Tra vecchi sadici, decrepite indemoniate e vetusti malvagi, ecco una selezione di film horror con protagonisti anziani cattivissimi e nonnette da paura.

Continua a leggere LA PAURA FA NOVANT(‘ANNI): IL LONGEVO DECORSO DELL’HORROR GERIATRICO

TERRORE AD ALTA VELOCITà: 20 FILM HORROR SU TRENI, VAGONI, BINARI E METROPOLITANE

Sarà per quell’aria un po’ romantica e al contempo squallida che hanno spesso i treni e i loro viaggiatori; sarà che si tratta di un mezzo di locomozione ideato in un periodo – solo apparentemente lontano nel tempo – in cui l’uomo iniziava ad assaporare i primi sentori di crisi esistenziale e a mettere in discussione i rassicuranti paradigmi di una vita scandita da ritmi lenti e da spostamenti a breve percorrenza, seminando i germogli dell’ormai arcinota inquietudine contemporanea destinata a divenire una fedele compagna di viaggio; sarà che tra binari, carrozze e gallerie si respira da sempre un’aria di vaga angoscia da fuggiaschi e che un perfetto sconosciuto si trasforma di fatto, per un lasso di tempo più o meno breve, in un compagno di viaggio vicino, a volte fastidiosamente intimo, col quale condividere parte del proprio destino. Sarà per tutti questi motivi che esiste una filmografia horror su treni, stazioni, tunnel e metropolitane piuttosto nutrita, con l’aria cupa dei vagoni e il suono di stridori e ruote sui binari come sfondo perfetto per vicende agghiaccianti.

Ecco quindi una selezione dei migliori, dei peggiori e dei più introvabili film horror ambientati sui treni, secondo Horror Vacui. Sono film fortemente consigliati, inutile dirlo, a tutti i pendolari.

Continua a leggere TERRORE AD ALTA VELOCITà: 20 FILM HORROR SU TRENI, VAGONI, BINARI E METROPOLITANE

[SPECIALE OLTRE LO SPECCHIO MILANO FILM FESTIVAL]: THE QUEEN OF BLACK MAGIC, SON, ZALAVA E ALTRI HORROR DEL 2021 DA NON LASCIARSI SFUGGIRE

Si è appena conclusa la terza edizione di Oltre lo Specchio – Il lato oscuro del cinema di genere, festival cinematografico milanese che nel 2021 ha aggiunto alla programmazione pellicole di genere horror, thriller e noir a quelle di fantascienza e fantasy.

Ecco i titoli dei migliori horror di Oltre lo Specchio 2021 secondo Horror Vacui, in ordine di gradimento. I vincitori li trovate qua.

Continua a leggere [SPECIALE OLTRE LO SPECCHIO MILANO FILM FESTIVAL]: THE QUEEN OF BLACK MAGIC, SON, ZALAVA E ALTRI HORROR DEL 2021 DA NON LASCIARSI SFUGGIRE

[SPECIALE TOHorror Film Fest 2021] PAURA E DELIRIO A TORINO

Il TOHorror Fantastic film fest, giunto alla ventunesima edizione e rientrato gloriosamente in scena dopo un anno di stop, si è tenuto a Torino dal 19 al 24 ottobre 2021. Tra cortometraggi, animazioni, concorsi letterari e di sceneggiatura e lungometraggi in concorso e fuori concorso, le proposte artistiche hanno puntato a scelte non convenzionali e irriverenti. Tra i tanti titoli proiettati, ecco una selezione dei film horror presentati al festival, in ordine di gradimento:

Continua a leggere [SPECIALE TOHorror Film Fest 2021] PAURA E DELIRIO A TORINO

10 cose che ho imparato guardando The Craft: Legacy

The Craft: Legacy, distribuito in Italia come “Il rito delle streghe” è il sequel/reboot del celeberrimo The Craft (Giovani Streghe) di Andrew Fleming. Diretto dalla statunitense Zoe Lister-Jones, prodotto da Blumhouse e distribuito da Eagle Pictures all’insegna della grandiosità ereditata dalla pellicola cult alla quale si ispira, ma alla quale non assomiglia poi granché. Alla base di entrambi i film, c’è la storia di quattro giovani streghe che vanno incontro alle terribili e insanabili conseguenze di certi rituali magici al di fuori della loro portata. A fare da sfondo, l’emarginazione, il bullismo dei coetanei e vari traumi pregressi. Ma a dividere le due pellicole è un abisso ideologico e generazionale: le due pellicole distano venticinque anni esatti l’una dall’altra.
Ecco quel che ho capito guardando questo film, che ha definitivamente accantonato le venature horror dell’originale optando per un approccio soft al fantastico.

Continua a leggere 10 cose che ho imparato guardando The Craft: Legacy

Faccio cose, vedo horror.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: